Home

Menu utente

Risorse

Chi è online

 64 visitatori online
 

Diventa anche tu nostro fan !!

GP Turristi Avis Aido Montegrotto


SONO APERTE LE ISCRIZIONI AL G.P. TURRISTI 2017!!!

animali

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Scritto da Stefano   

Progetto Montegrotto Terme - Marmolada, 28-10-2016, Stefano Benetton

 

Il racconto di un'idea divenuta realtà.

Fin da bambino mi piaceva moltissimo stare all'aperto e correre nella natura. Ho continuato a maturare un forte legame con l'ambiente e nella pratica degli sport che vi si addentrano, senza motori, ma con la passione e l'impegno che ne permettono un contatto diretto e rigenerante, nei panorami dagli spazi sconfinati. Col passare degli anni i sogni si sono moltiplicati, verso orizzonti nuovi, che uniscono natura e fantasia con lo sport.

Venerdì 28 ottobre sono partito a mezzanotte dal comune di Montegrotto Terme, dopo i saluti con tutti i presenti, per unire due entità a me particolarmente care: il comune di residenza, al quale sono particolarmente affezionato, con il ghiacciaio della Marmolada, il più esteso delle Dolomiti, dove l'anno scorso ho svolto la tesi di laurea e pratico alpinismo e sci. Ho unito questi due tasselli con lo sport, percorrendo il tragitto fino a passo Fedaia in bici, e da lì al rifugio Capanna al Ghiacciaio, situato a 2700 metri di quota, innanzi al ghiacciaio della Marmolada, di corsa e camminata laddove le pendenze erano eccessivamente arcigne, componendo un puzzle che mi ha conferito una grande gioia.

Durante il tragitto sono stato accompagnato da due auto, una con mio fratello Giovanni e l'amico triatleta Michele, l'altra con il mio allenatore Fabio Scapin e l'amico corridore Michele; il loro aiuto è stato fondamentale, in termini di sicurezza, rifornimenti alimentari ed idrici, sostegno a tutto campo.

La temperatura mite, l'assenza di intoppi e la pedalata agile hanno permesso di guadagnare del tempo nelle prime ore di pedalata. Bellissimo pedalare nel silenzio e nel buio, sotto uno splendido cielo stellato! Entrati nella valle del Cordevole, alcuni splendidi cervi brucano prima dell'alba nei freschi prati. Avverto un po', prima di Agordo, l'assenza di sonno nella notte, ma i primi lineamenti delle montagne che si innalzano dall'oscurità respingono ogni esitazione. La salita verso passo Fedaia, situato a 2057 metri di quota, si presenta impegnativa in particolare negli ultimi 5,5 km, dove la pendenza media supera l'11%, con le rampe finali con strappi oltre il 15%. Lasciati gli 0° del fondovalle, il sole ed una bellissima giornata si specchiano nel lago di Fedaia, nei pressi del quale lascio la bici e mi cambio per salire lungo il sentiero che porta verso la Marmolada. Le gambe non sono più fresche, ma la meta è vicina; innalzandomi dalla vallata emergono nella loro maestosità le cime che costellano la cresta della Marmolada, mentre alle spalle si elevano il Sella, il Sassolungo ed il Sassopiatto. All'arrivo il sapore di un sogno realizzato.

 

Un sentito ringraziamento va a tutti coloro che mi hanno sostenuto in questa prima avventura: l'amministrazione comunale di Montegrotto Terme, Aerelli Bike, Un Sesto Acca, Elite.

Al gruppo podistico Turristi ed a tutti coloro che mi hanno incoraggiato in questo progetto, va il mio apprezzamento e sincero grazie.

 

Di seguito il servizio andato in onda sul Tg di Telenuovo di giovedì sera, con la sintesi di tutta l'esperienza:

 

http://tgpadova.it/pages/531789/?sectionID=null&playlist=tutti



impresa1 impresa2
impresa3 impresa4
impresa5 impresa6










 
Scritto da Stefano   

Miglio di Paluello ed Euganeus trail, 1° weekend di settembre

 

Il primo weekend del mese di settembre si è presentato ricco di proposte nel territorio regionale.

 

Venerdì 2 settembre Stefano partecipa al miglio di Paluello, piccola località situata nei pressi di Stra, per correre la veloce gara che si articola in 2 giri da 800 metri, caratterizzati da cambi di direzione attorno alle boe. Dopo il primo giro, inizia la rimonta, che permette il sorpasso su Said El Bouhali, e sulla lieve discesa agli ultimi 300 metri anche su Matteo Penazzato, andando a conquistare inaspettatamente ed a braccia alzate la vittoria, sostenuto dai tanti carissimi amici presenti.

Tutta la compagnia si comporta egregiamente e viene premiata, Lance è primo di categoria, Beatrice quarta assoluta, Paolo, Andrea e Fabio nelle posizioni importanti. La serata continua poi con il terzo tempo in pizzeria a Dolo, per festeggiare i cinquant'anni del nostro disponibile, generoso Fabio.

 

Domenica si cambia completamente distanza, altimetria, velocità e terreno; è la volta della gara di casa, attesa da moltissimi amanti della corsa sui sentieri. È l'Euganeus trail 2016, con 21 km e 700 D+. La giornata è splendente e molto calda. Il percorso bellissimo, con l'arcigna salita sul monte Ceva subito dopo la partenza, la discesa a Turri Alto, la salita al monte delle Valli, i saliscendi tra il Piccolo Marte e villa Draghi, i boschi ed i vigneti che placidi accompagnano il fiatone dei combattivi corridori. L'ultima salita permette il ricongiungimento alla terza piazza assoluta, confermata con la forte discesa verso villa Draghi e l'impegnativa tenuta negli ultimi 2 chilometri, che permettono come scherzosamente richiesto dallo speaker Alberto di raggiungere il podio, quest'anno reso maggiormente impegnativo dall'aumentato tasso tecnico dei partecipanti. Vince Nicolò Petrin, conclude secondo Francesco Rigodanza. Il podio è così costituito da 3 ventenni, rarità in questa specialità, che col passare del tempo attrae sempre un maggior numero di persone.

Un ringraziamento speciale è rivolto a Daria Legnaro, che con la marcia Madonna del Rosario e l'Euganeus Trail conclude il servizio di presidente, dopo essersi impegnata con passione ed abnegazione, allo speaker Alberto, a tutti i Turristi e non che si sono impegnati per cercare di portare una giornata di serenità a tutti i partecipanti.


stefano1 stefano2
stefano3 stefano4








 
Scritto da Stefano   

Avventure di un'estate

 

Dallo sbocciare del primo fiore il tempo è volato, e l'estate ha offerto molte possibilità per renderla unica.

Giugno e luglio hanno permesso di compiere qualche gara in pista, e di raccogliere i personali sui 1500 a Trento, due giorni solo dopo la salita sul monte Similaun per dei rilievi glaciologici, con 4'07.72'', e sui 3000, dopo una splendida gara nel bellissimo meeting di Alba, correndo nella seconda batteria, e riuscendo a vincerla negli ultimi 100 metri, scendendo sotto il muro, fermando il cronometro in 8'59.64''. Prima del termine della stagione veloce in pista, avvenuto verso metà luglio, si sono corse anche alcune gare del circuito di corsa su strada Padova corre.

Il 16 luglio c'è stata poi la partenza per un viaggio bellissimo, stavolta in bici, che ci ha portato in 1550 km da Saccolongo a Cracovia, per partecipare alla giornata mondiale dei giovani, attraversando l'Austria, la Slovacchia, la Repubblica Ceca, per approdare infine in Polonia. Esperienza splendida per i paesaggi attraversati, le amicizie strette nel gruppo, l'incontro con i diversi popoli.

Ad agosto la partecipazione per la prima volta all'Highlander, corsa ad eliminazione gremita di pubblico, corsa a Scorzè, con un inaspettato sesto posto finale, su circuito di 300 metri, da affrontare col piede sempre sull'acceleratore.

Nel mezzo di queste attività, qualche bella cima ha permesso di avvicinarsi al cielo, in particolare sul monte Rutor in val d'Aosta e sul Dom de Mischabel, massima elevazione interamente compresa nel territorio svizzero, con 4545 metri di quota, di fronte al monte Rosa ed al Cervino.

Sotto alcune foto, per tuffarsi nei ricordi e sognare nuove mete.

A domenica per la marcia Madonna del Rosario e per l'Euganeus trail!

 




1607091942-2

 

p 20160729 133053 p1430812
p 20160813 085644 dscn2530

 











 

 

 

 

 

marcia28

 

 

 

TartaRun 2016

ogni merrcoledì ore 19:30 piazza Turri  di Montegrotto Terme 



 

 

 

Mappa del percorso della Marcia Madonna del Rosario (19 km) e dell'Euganeus Trail (21 km)

 

marcia e et4

 

Come potete notare i percorsi sono praticamente gli stessi, fatto salvo una deviazione che rende più corto il percorso della marcia (il taglio è segnato in rosso)...neanche a dirlo le parte "in più" dell'ET è anche la parte più impegnativa del tracciato, ma noi sappiamo che siete tutti degli esperti trail runner!!!



Novità 2016:

 "1° Memorial Stefano Resente"

 

Per ricordare la recente scomparsa del fondatore del nostro gruppo abbiamo deciso di dedicare uno speciale riconoscimento in suo onore che sarà consegnato a chi, tra i partecipanti dell'Euganeus Trail, per primo riuscirà a toccare la croce del Monte Ceva.



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
«InizioPrec.12345Succ.Fine»

Pagina 1 di 5
Copyright © 2017 GpturristiAvisAido. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.